MC CONTROL DIAVOLI VICENZA: A CITTADELLA PER LA RIIVNCITA

Biancorossi alla prova del nove

 

Mc Control Diavoli Vicenza gioca sabato prossimo a Cittadella (inizio gara ore 19.00) per cercare la rivincita alla sconfitta subita in semifinale di Coppa FISR, di stretta misura e con un gol rocambolesco,  che ha mandato a casa i vicentini e in finale con Milano proprio Cittadella (poi sconfitta per 5-2).

In casa Diavoli, dopo la sosta per la Nazionale della scorsa settimana , si torna in pista con la voglia di riscatto e di dimostrare il valore della squadra che in Coppa ha raccolto meno di quanto seminato.

Fra i vicentini assenti Sotlar, che si è infortunato proprio in Coppa, e Pezzetta con problemi al menisco.  In forse Zerdin, diventato in questi giorni papà (congratulazioni a mamma e papà per la nascita di Kris). Per il resto tutti presenti e pronti per una sfida che si preannuncia emozionante, ma anche molto dura. I Diavoli sanno che dovranno dare il massimo e non abbassare mai la guardia, serviranno l’esperienza e la determinazione dei giocatori più esperti e la forza e l’entusiasmo dei giovani.
Fra i volti nuovi e i giovani di questa formazione, Claudio Tabanelli, classe ’97, arrivato quest’anno dal Padova dove è cresciuto da quando ha iniziato a giocare a 8 anni.
“Ho scelto di venire a Vicenza perché avevo voglia di cambiare – ha spiegato l’attaccante biancorosso –ma anche per trovare un livello pù alto, perché c’è mio cugino (Andrea Ustignani, altro volto nuovo dei Diavoli) e per Luca (Roffo), che guardavo giocare quando ero piccolo e con cui ho fatto degli stage di hockey. E poi sono molto legato a Michele(Frigo, anche lui arrivato dal Padova) e visto che veniva lui…l’ho seguito”.
- Come vedi i Diavoli?
“Bene, sicuramente dobbiamo crescere, lavorare, imparare a giocare insieme. Una volta però che il gruppo si sarà amalgamato possiamo fare molto bene”.
- Sabato in trasferta a Cittadella, sarà una rivincita per i Diavoli?
“Chiaro. In Coppa FISR non è andata bene nel primo tempo, ma nel secondo abbiamo dominato, abbiamo subito un gol un po’ fortunoso, anche se è vero che noi non ne abbiamo fatti e l’abbiamo pagata cara. Ma sono fiducioso, si può far bene, già da questo sabato”.
- Fra le avversarie, quali sono le più temibili?
“Milano resta sempre forte, però ci sono altre squadre da battere. Cittadella, Milano appunto, e Verona. Ma sono positivo, possiamo far bene.”
- L’obiettivo personale di questa stagione?
“Apprendere da tutti, allenatore e compagni, e poi migliorare, migliorare e migliorare sempre”.

Appuntamento quindi sabato a Cittadella, per una partita che si preannuncia come un’emozionante battaglia.

Share This Post: