MC CONTROL DIAVOLI VICENZA: IN GARA 4 VINCE IL CUORE BIANCOROSSO

Sabato a Milano la bella

Gara 4 della serie finale play off è andata ad Mc Control Diavoli Vicenza che ha caparbiamente agguantato la vittoria all’overtime con il gol di Zerdin al 53.09 con il risultato di 6-5 e pareggia la serie con Milano.
Si preannunciava una partita durissima ed emozionante ed è stata veramente una gara dalle mille emozioni, una vera e propria battaglia, con tanti episodi, ma soprattutto una determinazione e un carattere grandissimi da parte dei vicentini che hanno raddrizzato una partita iniziata in salita e che sembrava indirizzarsi verso la vittoria degli ospiti e la conquista del  loro settimo scudetto consecutivo.
Dopo un primo tempo completamente di marca milanese, con tante occasioni, tre gol e la possibilità di chiudere con ben più ampio margine, e un Vicenza timoroso, un po’ contratto e un po’ spento, la sfida vera e propria si è accesa nella seconda frazione di gioco.

I biancorossi, probabilmente strigliati dal loro coach, sono tornati in pista con un atteggiamento molto più aggressivo e determinato, hanno potuto contare su un po’ di fortuna, ma ci vuole anche quella soprattutto contro dei campioni come quelli di Milano, su un arbitraggio che negli ultimissimi minuti ha lasciato correre e giocare, e soprattutto su un’ottima prova di tutti i suoi atleti che, nonostante il caldo, la stanchezza e le condizioni non ottimali di qualcuno, hanno dato quel qualcosa in più e ci hanno creduto fortemente fino alla fine.

Dopo quindi un passivo di 3-0 alla fine del primo tempo, i biancorossi sono tornati in pista più convinti, hanno accorciato con Nicola Frigo e con Sotlar, ma subito è arrivato l’allungo di Milano con Belcastro. In doppia superiorità numerica sono andati al gol con Loncar portandosi sul 3-4 a circa dieci minuti dalla fine, ma quando, a 4 minuiti e mezzo dal termine è stato fischiato fallo a Corradin e subito dopo Delfino è andato a segno per il 5-3 dei suoi, sembrava che Milano avesse messo una seria ipoteca sull’incontro. I biancorossi però non hanno mai mollato, hanno tolto Alberti già a 4 minuti dal termine per sfruttare la superiorità numerica, sono riusciti ad accorciare le distanze con Simsic, e hanno continuato a giocare senza portiere tendando il tutto per tutto, ma trovando sulla propria strada un attento Mai e tanti errori ed imprecisioni. A 8 secondi dalla fine però la grinta dei Diavoli è esplosa con la rete del pareggio di Michael Corradin.
Ed è esploso anche il pattinodrono, pieno per l’occasione di tanti spettatori e di tanti tifosi, anche da Milano (non sono sfuggiti nemmeno stasera i cori offensivi contro Vicenza), che si sono fatti sentire.
Le squadre ormai stremate sono arrivate all’overtime con un Milano che ha iniziato in sordina, con il possesso del disco e qualche fiammata bloccata da Alberti , e un Vicenza meno in palla, ma cinico nel realizzare con Zerdin, assente a Milano perché ammalato e non ancora ripreso, servito da Simsic al 53.09 il gol della vittoria.
Per lo stesso Zerdin è stato un incontro fantastico, durissimo, contro una grande squadra con giocatori di qualità sia giovani che di esperienza e una prova incredibile, per come è andata e per il susseguirsi dei gol nel secondo tempo.
Fra i grandi protagonisti, il portiere biancorosso Andrea Alberti: “E’ stata una gara pazzesca – ha commentato emozionato- Siamo partiti sotto, Milano è sceso in pista con grande decisione, mentre noi non siamo riusciti ad entrare in partita e ci siamo barcamenati per quasi tre quarti della gara. Solo ad un certo punto siamo riusciti ad accendere il cervello, forse perché abbiamo cominciato a sentire l’urgenza di reagire, o come si direbbe un po’ di fuoco sotto al sedere, e abbiamo girato la gara. La svolta con il gol di Nicola Frigo che ci ha avvicinato un po’ a loro e poi incredibile la sequenza degli ultimi gol. Non me lo sarei mai aspettato. Bravissimi tutti per la tenacia e la convinzione. Poi all’overtime siamo riusciti a spuntarla. Loro hanno fatto due, tre belle conclusioni, noi ne abbiamo fatta una ed è stata vincente. Quindi ci prendiamo questa vittoria e ci si vede sabato a Milano”.
- Una grande prova dei Diavoli, ma bisogno sottolineare anche la grande prova di Alberti.
“Io non sono niente senza i miei compagni e senza il loro aiuto. Ognuno cerca di fare il suo lavoro e quindi anch’io cerco di fare il mio e mi prendo i meriti tanto quanto devono prenderli tutti gli altri”.
- Si può dire che con il gol del pareggio a 8 secondo dalla fine ha vinto il cuore biancorosso.
“Sicuramente il coraggio di averci provato e creduto fino alla fine ha premiato, così come anche il duro lavoro di tutti questi mesi.”
- E adesso la bella a Milano a gara 5. Vicenza non è mai arrivata in una finale fino a gara 5.
“Adesso partita secca, tutto può succedere ora siamo 2-2. Abbiamo anche un pochino più di inerzia al momento e bisogna prepararci bene, riposarci bene in questi due giorni e poi dare tutto. “All out”, come si direbbe”.

L’appuntamento ora a Milano, sabato 2 giugno (inizio gara ore 20.00), per gara 5, la sfida che decreterà i vincitori dello scudetto 2017/2018.


Tabellino
Mc Control Diavoli Vicenza – Milano Quanta (0-3) 6-5
Mc Control Diavoli Vicenza
: Alberti, Frigo M., Loncar, Tabanelli, Pozzan, Bettello, Maran, Ustignani, Zerdin, Roffo, Sotlar, Rossetto, Frigo N., Corradin, Simsic, Tagliaro.
All. Luca Roffo

Milano Quanta: Mai, Brescianini, Mantese, Dlefino, Rigoni L., Barsanti, Bellini, Buggin, Lievore, Lettera, Rigoni F., Comencini, Ferrari, Belcastro, Banchero, Ronco.
All. Luca Rigoni

Arbitri: Rigoni di Asiago e Slaviero di Asiago

RETI
PT: 6.20 Lievore (M), 8.23 Banchero (M), 14.52 Rigoni F. (M);
ST: 28.08 Frigo N. (V), 30.11 Sotlar (V), 35.28 Belcastro (M), 40.06 Loncar (V) pp, 45.49 Delfino (M) pp,
46.41 Simsic  (V), 49.52 Corradin (V);
OT: 53.09 Zerdin (V).

Share This Post: